Comunicare per immagini: la fotografia di moda

Per l’ultima prova del modulo di Educazione all’immagine, noi di Seconda triennale abbiamo scattato alcune foto per simulare la realizzazione della copertina di una rivista di  moda!

In questo primo articolo puoi vedere la prova del gruppo di lavoro di Asia P. e i vari step per la preparazione. La classe doveva ispirarsi liberamente ad alcune fotografie selezionate insieme alla prof di Italiano. Qui di seguito, la foto di Yousuf Karsh in cui è rappresentata la grande Audrey Hepburn.

yousuf-karsh-audrey-hepburn-1956
Yousuf Karsh, Audrey Hepburn, 1956

In laboratorio di estetica Iris ha truccato la modella con la supervisione della docente Tecla Ronzoni, mentre nel laboratorio di Tecniche dell’acconciatura Asia è stata acconciata sotto la supervisione della docente Chiara Fuduli.

Nel Laboratorio di estetica:

  1. Dopo un’accurata pulizia del viso e la stesura di una maschera liftante, Iris ha corretto gli inestetismi con correttori verde, beige e aranciato.
  2. In seguito, ha utilizzato un fondotinta di tonalità porcellana, coperto da una cipria opacizzante.
  3. Per il chiaroscuro ha utilizzato un blush color caramello e un illuminante.
  4. Ha definito le sopracciglia con una matita apposita castano chiaro e con ombretto nero ha sfumato le palpebre.
  5. Infine ha delineato gli occhi con una matita nera e ha applicato un mascara nero sulle ciglia. La bocca non è stata truccata per ottenere un effetto più naturale.

 

Asia in versione... acqua e sapone
Asia in versione… acqua e sapone.

 

Nel laboratorio di Tecniche dell’acconciatura:

  1. Dopo aver eseguito uno shampoo con trattamento ristrutturante per capelli sensibilizzati, è stata fatta una piega liscia a phon.
  2. In seguito è stata passata una piastra lisciante.
  3. Dopo aver pettinato i capelli da un lato, le compagne hanno creato una coda laterale col supporto di una spugna per chignon, attorno alla quale sono stati avvolti i capelli lasciando le punte “sparate”.
  4. Come finitura, sono stati applicati una lacca e uno spray lucidante ai semi di lino.

 

 

 

 

 

Ed ecco il risultato finale! Abbiamo fatto alcune prove di copertina, scrivici per dire qual è la tua preferita! Nel prossimo articolo vedrai la prova conclusiva di Elvira e del suo gruppo di lavoro!

Asia in una delle versioni finali della cover.
Asia in una delle versioni finali della cover. Tutte le foto sono di Irene Vivarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Asia in versione black and white. Foto di Irene Vivarelli
Asia in versione black and white.

 

 

 

Foto di Irene Vivarelli
Ed ecco l’ultima versione! Quale ti è piaciuta di più, scrivi il tuo commento!

 

 

Comunicare per immagini: step 3

La terza prova del modulo di Educazione all’immagine prevedeva la realizzazione di una serie di fotografie che rappresentassero lo stesso soggetto ma in diverse condizioni di luce. L’operazione ha richiesto un po’ di pazienza e pianificazione, ma ci sono stati ottimi risultati! Ecco alcune immagini….

Il parcheggio davanti a casa di Natasha, le prime ore del mattino
Il parcheggio davanti a casa di Natasha, le prime ore del mattino

 

 

 

 

 

Lo stesso parcheggio qualche ora più tardi
Lo stesso parcheggio qualche ora più tardi

 

 

Il parcheggio al crepuscolo
Il parcheggio al crepuscolo
Il parcheggio la sera tardi
Il parcheggio la sera tardi

 

Comunicare per immagini: step 2

Per il secondo step della prova di Educazione all’immagine abbiamo dovuto portare in classe alcuni scatti in cui la luce avesse un ruolo di primaria importanza. Ecco alcune fotografie di Elvira! Nella prima un galeone proietta la sua ombra sul muro, nella seconda la luce illumina le foglie autunnali degli alberi, nella terza il panorama da casa di Elvira è rischiarato per metà dalla luce del primo mattino.

IMG-20170930-WA0003 IMG-20170930-WA0006 IMG-20170930-WA0005

Oggi si fa poesia! “L’ode della gelosia” di Saffo

Herkulaneischer_Meister_002b

La celebre poetessa Saffo.

In questi giorni, nelle ore di storia stiamo affrontando lo studio dell’Antica Grecia. Per questo la nostra professoressa di Lettere ha letto in classe la celebre “Ode della gelosia” della poetessa Saffo. Dopo averne svolto la parafrasi, ognuna di noi si è divertita a creare la sua interpretazione. Qui di seguito puoi leggere la versione di Camilla, di Prima triennale.

 

“Quell’uomo davanti a te ha la bellezza di un dio.

Sta accanto a te, sente la tua voce dolce, odora il tuo magnifico profumo

e osserva pieno d’amore il tuo sorriso.

Oh, a me batte forte il cuore, vorrei averti accanto a me, ma ho molta paura.

Ti scorgo un attimo, ti vedo da lontano e mi sento morire.

La voce se ne va, il battito del mio cuore

aumenta appena i miei occhi ti osservano,

la voce come per magia se ne va; la lingua resta lì, immobile,

mi tremano le gambe e dentro al mio corpo ogni organo si attorciglia

per la gelosia che sto provando.

Mentre osservo la tua bellezza un brivido mi trapassa il corpo,

è caldo ma molto veloce e a un certo punto non capisco più nulla.

Inizio a sudare, il mio corpo non collabora

con il mio cervello. Mi manchi, ti vedo

da lontano e mi tornano alla mente tutti i ricordi.

La gelosia mi assale, l’erba è meno verde dei miei occhi in questo momento,

e mi sembra la morte mi assalga.

Ma nel mio cuore lo so, e lo sai anche tu,

io sarò eternamente tua e tu sarai eternamente mia.”

Camilla

 

 

 

 

“Acqua e riciclo a regola d’arte”: il nostro progetto!

Per il progetto “Acqua e riciclo a regola d’arte”, Fabbriche aperte di Coca Cola HBC Italia, noi ragazze di seconda triennale abbiamo scelto di comunicare e diffondere il valore dell’acqua e l’importanza del suo riciclo utilizzando conoscenze trasversali.  Ispirate dal concetto per il quale le parole possiedono una propria fisicità, abbiamo scelto alcune poesie di autori italiani e stranieri che costituiscono parte essenziale del patrimonio culturale e artistico. All’interno delle opere selezionate, abbiamo individuato versi di particolare bellezza e armonia in cui fosse esaltata l’acqua nelle sue diverse forme. Attraverso il riciclo di versi poetici che vedono l’acqua come protagonista, abbiamo composto una nuova poesia bilingue, in cui i versi in italiano e in inglese vanno a incastonarsi completandosi a vicenda ed enfatizzando il messaggio: l’acqua è vita e accompagna l’uomo nel suo percorso sulla Terra. Il passo successivo è stato la raccolta di brevi video in cui ognuna di noi ha espresso il suo rapporto con l’acqua. Durante una gita al mare organizzata dalla scuola, abbiamo portato in scena la poesia  improvvisando la recitazione con materiali trovati sulla spiaggia. La prova si è conclusa con il montaggio dei diversi video, fino alla creazione di un divertente cortometraggio. ENJOY!

Comunicare per immagini

Quest’anno noi di terza triennale abbiamo partecipato a un progetto interessante e divertente. L’insegnante di Lettere, dopo aver spiegato il funzionamento della camera oscura e aver raccontato un po’ di storia della fotografia, ci ha guidato alla lettura e interpretazione di immagini di fotografi famosi, come questa:

ghirri
Luigi Ghirri, Lido di Spina

 

Dopo aver analizzato il concetto di struttura e geometria di un’inquadratura  e aver visto in aula alcune tipologie di racconto per immagini, abbiamo affrontato il primo step della prova.

Si trattava di raccontare in cinque immagini-sequenza il nostro percorso da casa verso la scuola. Natasha  racconta qui di seguito la sua storia:

IMG_0413
Foto numero 1. La pianta che osservo ogni mattina quando esco da casa.
IMG_0410
Foto numero 2. Salgo sull’autobus.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IMG_0411
Foto numero 3. Un ragazzo siede vicino a me.
IMG_0416
Foto numero 4. Sono nati i fiori della pianta grassa che osservo ogni mattina quando scendo dall’autobus.

 

 

 

 

 

 

IMG_0414
Foto numero 5. Sono arrivata a scuola. Questi sono gli edifici intorno, compreso il bar in cui ogni tanto faccio colazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel prossimo articolo vedrai come abbiamo affrontato gli step successivi,  seguici!  A presto!

 

 

 

 

 

Beauty Icons: Audrey Hepburn

Prosegue l’appuntamento con Beauty Icons, la storia delle star che hanno lasciato un segno evidente sulla moda e il costume. Oggi vediamo insieme Audrey Hepburn, il cui nome è diventato sinonimo di raffinatezza ed eleganza.

di Chiara Pucciarelli

Chia.PUCCIA1 Chia.PUCCIA2Chia.PUCCIA3Chia.PUCCIA5Chia.PUCCIA4

Una lezione a 33 giri

Insieme alla Prof.ssa Pudva (Inglese) e alla Prof.ssa Vivarelli (Lettere) oggi in classe abbiamo parlato del premio Nobel Bob Dylan, grandissimo musicista e poeta. La lezione è stata davvero stimolante e originale perché abbiamo avuto modo di vedere da vicino e ascoltare alcuni LP originali dell’epoca. Proprio così, perché le prof. hanno portato a scuola un giradischi che abbiamo potuto osservare da vicino (per alcuni di noi, abituati agli ascolti in mp3, è stata la prima volta…). Insieme abbiamo ripercorso tutta la carriera di Dylan attraverso testi e aneddoti. Abbiamo approfondito le tematiche sociali ed esistenziali che Dylan ha affrontato nelle sue canzoni, la sua poeticità visionaria e la sua voce di protesta contro la guerra. Abbiamo guardato e discusso filmati dell’epoca e per finire… Abbiamo concluso con l’ascolto di altri due capolavori degli Anni 60: “Sympathy for the Devil” dei Rolling Stones e “Little Wing” di Jimi Hendrix. Una vera folgorazione per molti di noi, che conoscevamo questi grandi artisti soltanto per fama. In seguito a questa lezione, è nato un progetto: due di noi hanno intenzione di reinterpretare con la chitarra “Just like a woman” di Bob Dylan. Stay tuned!

Ma intanto, ecco alcune immagini di questa divertente lezione…

18470939_10213340202565365_1014135906_n 18424848_10213340202805371_1786521612_n 18406222_10213340203205381_337907342_o

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BOB_DYLAN

 

 

 

 

 

Tonalizzazione di uno shatush

Questa mattina in laboratorio il gruppo delle parrucchiere di prima triennale ha svolto incarichi diversi. Qui di seguito puoi vedere tutti i passaggi con cui è stata eseguita la tonalizzazione di uno shatush da una colorazione chiara a una più scura. Inizialmente abbiamo apportato pigmenti caldi sulle lunghezze per evitare colori indesiderati. In seguito, eliminando la maggior parte della colorazione applicata dopo circa dieci minuti di posa, abbiamo scelto un colore più scuro e lo abbiamo applicato sulle lunghezze. Il tempo di posa è di circa 20 minuti. Al termine del trattamento, abbiamo sciacquato la capigliatura e eseguito uno shampoo specifico. Nel video qui sotto, i passaggi per completare l’opera… la messa in piega!

 

E il risultato finale….20170428_120520

Formimpresa va in TV

Oggi noi ragazze del Quarto anno di Tecnico dei Trattamenti estetici e dell’acconciatura abbiamo fatto una piccola gita negli studi televisivi di Primocanale, dove abbiamo partecipato a una trasmissione che trattava l’orientamento al lavoro e la formazione professionale. Fra il pubblico si trovavano tanti studenti come noi, con i quali ci siamo confrontate su argomenti di interesse comune… Ma vediamo per bene cosa è successo… L’appuntamento era la mattina alle dieci con la nostra insegnante di Lettere e il direttore Lelio Tognoli. Dopo un pranzetto a base di focaccia genovese, abbiamo registrato la puntata. Ecco alcune fotografie che abbiamo scattato! Fra gli ospiti vi erano l’assessore Ilaria Cavo e i responsabili di progetti finanziati dalla regione, ai quali abbiamo potuto chiedere alcune informazioni su come affrontare al meglio il primo colloquio di lavoro. Al termine della puntata hanno consegnato a ognuno di noi un libro (“Job Tips”, di Matteo Tutilinatis, Franco Angeli) e un questionario per capire come compilare un cv in modo efficace, sia cartaceo sia multimediale. E adesso, non resta che incrociare le dita!

18015794_10213131449386666_1537800375_o 18052060_10213131449226662_1165776948_o

20170413_135216 20170413_154655 20170413_141531 20170413_141351 20170413_141338 20170413_141329